Home                     <<

18 novembre 2017

n Chi siamo
n Che cosa facciamo
n Contatti
n I nostri clienti
n Notizie
n Eoliebooking
Prenotazioni Eolie
n Bus Navetta
Aeroporto Catania- Milazzo e viceversa
n Aliscafi
n Biglietti
Ferries
/navi/aliscafi
n Come arrivare
Orari
navi/aliscafi
n Servizi turistici
n Servizi pubblici
n Opinioni
n Dormire
n Mangiare
n Escursioni
n Manifestazioni
n Annunci
n Webcam
n Foto Eolie
n Natura e itinerari
n Galleria fotografica
n Vulcani
n Storia
n Cucina
n Personaggi
n Cultura
n Controllo e sicurezza
n Links
    Case Vacanze Claudia

 

Google+

 


Il paesaggio vegetale delle Eolie

La formazione dell'arco vulcanico delle Eolie è avvenuta durante gli ultimi 500.000 anni (secondi le ultime datazioni effettuate dai vulcanologi) e, a differenza di molte isole mediterranee, in totale autonomia rispetto alle terre emerse vicine, con le quali l'arcipelago sembra non essere mai entrato in contatto territoriale. I popolamenti vegetali e animali che le Eolie ospitano sono dunque il risultato di processi di colonizzazione (attiva o passiva) delle isole, cui, durante le ultimi 7000 anni , ha concorso anche l'uomo , introducendo numerose piante e animali.

ll paesaggio vegetale delle Eolie si presenta oggi abbastanza diversificato , a secondo delle caratteristiche geografiche e fisiografiche delle singole isole. Nei coltivi abbandonati si sono insediate praterie a graminacee, anche di rilevante  estensione, come quelle del versante occidentale di Lipari; durante la stagione primaverile, questi ambienti sono ravvivati dalla fioritura di molte specie di orchidee selvatiche, come le piccole ofridi gialle (Ophrys lutea) o ofridi fior di vespa (Ophrys tenthredinifera), o la più comune orchidea italica (Ophrys italica), gli aspetti più termofili di questa vegetazione steppica ospitano una interessante graminacea nord-africana, il Cenchrus ciliaris, presente in Italia limitatamente alle Eolie e a poche stazioni in Sicilia.

Sui suoli vulcanici più acidi si estendono vaste cistete a cisto a fiori rosa (Cistus salvifolius), cisto a fiori bianchi (Cistus creticus) e, più localizzato, cisto di Montpellier (Cistus monspeliensis); esempi di particolare pregio di questa vegetazione si osservano a Vulcano (Valle di Lentia), Panarea (Punta del Corvo), Lipari (San Salvatore); a maggiore quota e in presenza di particolari condizioni microclimatiche, la cisteta tende a divenire più fitta e a trasformarsi in un'altra macchia, dove prevalgono il corbezzolo (Arbutus unedo), l'erica (Erica arborea), la ginestra (Spartium junceum) e in alcune località, il leccio (Quercus ilex) e il castagno (Castanea sativa), quest'ultimo probabilmente introdotto in epoca romana.

Orchidea italica

(Ophrys italica)

Cisto a fiori bianchi

(Cistus creticus)

Corbezzolo

(Arbutus unedo)

 


Le formazioni di macchia-foresta presente è stata la motivazione principale dell'istituzione di una Riserva Naturale Orientata, una delle prime aree protette sorte in Sicilia: a questo a fatto seguito l'istituzione di altre riserve in tutte le isole maggiori, eccetto Lipari, e di due Riserve Naturali Integrali sul gruppo di isolotti a Est di Panarea (Basiluzzo, Lisca Bianca, Bottaro, Dattilo) e su Strombolicchio.
Le pendici più impervie e sassose dei vulcani eoliani rappresentano ambienti altamente selettivi per le specie vegetali, dove solo poche pionieri riescono ad insediarsi: fra queste, la più diffusa è la ginestra del Tirreno (Ginestra Thyrrena), una leguminosa endemica delle Eolie e delle isole Ponziane che fiorisce tra maggio e giugno, colorando di un vivace giallo sia la sommità dello Stromboli e del Gran Cratere, sia buona parte delle coste dell'arcipelago, dove la specie è  piuttosto comune.

Le rupi esposte a Nord e a Ovest ospitano una flora peculiare, ricca di endemiti: il garofano vellutato delle Eolie (Silene hicesiae), il garofano delle rupi (Dianthus rupicola ssp.aeolicus) e il fiordaliso delle Eolie (Centaurea aeolica) sono esclusive dell'arcipelago; l'iberide florida (Iberis semperflorens), la finocchiella di Boccone (Seseli bocconei) e numerose altre sono invece endemiche della Sicilia o dell'aerea tirrenica, abbastanza rare, e rappresentano anche esse una parte espressiva della biodiversità di queste isole. Gli aspetti più interessanti di questa vegetazione si osservano nelle falesie occidentali di Panarea; a Stromboli, invece, le rupi delle Schicciole ospitano un altro interessante endemita eoliano, il citiso delle Eolie (Cytisus aeolicus), un alberello della famiglia delle leguminose presente esclusivamente in per la cui conservazione è stato varato un progetto Life-Natura denominato "Eolife99", era nota come foraggera già in età greca: le sue qualità vennero infatti descritte da Teofrasto, che la indica come "colitia delle Eolie".

Le poche spiagge sabbiose ospitano una vegetazione dunale e retro-dunale piuttosto impoverita; a Cala degli Zimmari (Panarea), all'inizio della primavera fioriscono specie abbastanza rare nel loro areale di distribuzione, come la crucifera (Malcomia ramosissima) e la campanulacea (Wahlenbergia nutabunda).

 

il fiordaliso delle Eolie (Centaurea aeolica

l'erica (Erica arborea)

la granata rupicola

(Bassia saxicola)

 

Più diffusa è la vegetazione delle rupi costiere e delle scogliere eoliane, caratterizzata dalla presenza di una Plumbaginacea endemica dell'arcipelago e del vicino Capo Milazzo, i Limonium minutiflorum, e di altri pianti più comuni, come il finocchio marino (Crithmum maritimum) e la carota selvatica (Daucus gingidium). Inoltre, sulle rupi a picco sul mare dell'Isolotto di Strombolicchio, a Nord-Est di Stromboli, è confinata una delle due uniche popolazioni mondiali di una Chenopodiacea, la granata rupicola (Bassia saxicola) (l'altra popolazione è presente a Capri), una delle specie più rare e minacciate dell'intera flora europea.

 

Per più informazioni sugli aspetti naturalistici dell'arcipelago consigliamo di:

-visitare le sezioni di Paleontologie del Quaternario, Biogeografia Insulare Generale e Biogeografia Eoliana, allestita presso il Museo Archeologico Regionale "Luigi Bernabò Brea" di Lipari,

- contattare "Nesos" (associazione per lo sviluppo del turismo culturale e naturalistico e per la promozione di ricerche sull'ambiente e la cultura delle isole minori del Mediterraneo), con sede a Lipari in Corso Vittorio Emanuele, 24 - tel./fax: 090 9812953 - e-mail: nesos@nesos.org

 

Prenotazioni

Vacanze alle Isole Eolie Vacanze alle Isole Eolie  

EOLIE NEWS

Vacanze alle Isole Eolie

Vacanze alle Isole Eolie

 

Crociere alle Eolie

Vacanze alle Isole Eolie  

Che tempo fa

Vacanze alle Isole Eolie Vacanze alle Isole Eolie  

Tutto da vedere

Vacanze alle Isole Eolie Vacanze alle Isole Eolie  

Visita e volo Virtuale

Vacanze alle Isole Eolie Vacanze alle Isole Eolie  

Prodotti tipici

Vacanze alle Isole Eolie  


Vacanze alle Isole Eolie

Vacanze in Bici
Italia/Europa


qrcode

 

Nautilus Web Magazine
Iscriz. al Tribunale di Vicenza
Nr.869 del 17 Giugno 1996
Dir.Resp.: Matteo Salin
Vacanze alle Eolie


© 2002-2015  Eolnet s.r.l. S.U. servizi per le Isole Eolie - P.Iva 02636930832
Cap. soc.: € 10.000 i.v.- Registro impr.: MESSINA
N. iscr reg. impr.: 02636930832 - N.Iscr R.E.A.: 183197
Corso V. Emanuele 247 - 98055 Lipari (Messina)
Tel:+39 090.9814257  Fax +39 090.9811721  E-mail: info@eolnet.it
Sitemap - Privacy Policy
L'UFFICIO E' APERTO

DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 9.00 ALLE 13.00 TEL 090/9814257
PER EMERGENZE DAL LUNEDI AL VENERDI DALLE 16.00 ALLE 20.00 POTETE CONTATTARE IL 373/8740643

Aggiungi ai preferiti
Vacanze alle Eolie Top 50 Webcam
Vacanze alle Eolie
la directory aggiungi sito